Stephen Brook da Rivetto

Oggi ho ricevuto la visita di un noto ed esperto wine writer inglese : Mr  Stephen Brook. La sua carriera di degustatore di vino è lunga 25 anni, ma non avevo mai avuto la possibilità di conoscerlo di persona. La mia preoccupazione più grande è stata di poter offrire i vini alla miglior temperatura possibile, infatti a  30 gradi, l’alcool viene percepito di più, con il rischio di falsare la degustazione. La mia premura è stata infatti, di mettere in frigo per un’ oretta il Dolcetto Ercolino 2009, il Langhe Nebbiolo 2007, il Barolo Serralunga 2005 e il Barolo Riserva 2004. Lo so, sembra una bestemmia mettere in frigo il Barolo, ma fidatevi che se la temperatura esterna è cosi’ alta, questo è l’unico modo per apprezzare al meglio le carattaristiche organilettiche. Il sig.Brook è una persona molto piacevole e professionale, abbiamo parlato di vino, ma anche di cricket, uno sport tipico inglese, che mi incuriosisce, anche se le regole mi sono ancora difficili da comprendere. Ho mostrato al sig Brook le vigne di nebbiolo piantate nel 1970 e i nuovi impiantamenti di Zio Nando e della Briccolina, ma la cosa che ha destato il suo interesse è stato il sistema di condizionamento della cantina dove riusciamo a mantenere una temperatura tra i 10 e i 20 gradi tutto l’anno utilizzando energia pulita.

Con il sig. Brook ci rivedremo a Londra, all’ Institute of Directors, il 20 di Settembre dove guiderà, assieme allo staff di Decanter , una degustazione dei migliori Baroli di Langa,  vi aspetto!