Selezione nel vigneto di Barbera "Lirano Soprano"

Siamo a metà agosto, il sole scalda molto e il lavoro in campagna è duro e stancante, la maggior parte della gente è in vacanza, ma è adesso che la vite ha bisogno di essere indirizzata verso la qualità, dobbiamo selezionare l’uva in vigneto.

Si parte dal presupposto che ogni pianta è diversa dall’ altra e ogni vite ha una storia a sè. Il criterio è quello di lasciare 5 grappolini per pianta. La selezione viene eseguita tagliando i grappoli visivamente più brutti o con problemi, quelli più lontani dal ceppo sia verso l’ alto, sia orizzontalmente. Per il Barbera Lirano Soprano adottiamo un’ ulteriore selezione, infatti sui grappoli rimasti vengono ancora rimossi gli acini nella parte bassa, più ricchi di acidità, garantendo così un equilibrio chimico migliore al momento della pigiatura. Abbiamo così, un carico per vite molto basso che permetterà una maturazione più veloce, gli zuccheri verranno concentrati in 5 grappolini invece che in 12.

Vigneto di barbera "Lirano Soprano"

La buccia diventerà più spessa garantendo una migliore estrazione polifenolica durante la macerazione in cantina, inoltre resisterà meglio agli eventuali attacchi fungini. La selezione dei grappoli ad agosto, viene effettuata sul dolcetto, sulla nascetta e sul barbera, per il nebbiolo si potrebbe anche fare, ma abbiamo sperimentato un altro sistema che vi mostreremo in seguito. Il diradamento viene effettuato con delle speciali forbici molto appuntite per evitare che tagliando il grappolo si recidano anche gli acini, con relativa fuoriuscita di liquido che potrebbe portare con il passare del tempo a marciumi e attacchi fungini. La selezione nel vigneto quindi non puo’ essere fatta da tutti gli operatori, bisogna usare la testa, comprendendo la situazione presente e futura di ogni singola pianta.