Dettagli

Aeroporto di Roma, mi sto mangiando un cioccolatino, gli aerei che partono e che arrivano, mastico con gusto forse anche in maniera esagerata, mi accorgo che non sto pensando, poi subito penso. Penso al mio nuovo ruolo di blogger del vino, mi trovo benissimo, non so se qualcuno mai mi seguirà ,ma di certo mi diverto. Ho capito che il cliente finale si farà un’ idea di me, di chi sono e cosa faccio, sono loro che decideranno se comprare e apprezzare il mio vino oppure no. Questo straordinario mezzo che è internet vuole momentaneamente dimenticare chi c’è tra la vigna e colui che beve. In questi anni troppe volte sono stati creati miti e personaggi semplicemente perchè qualcuno ne ha esaltato alcune parti dimenticandone altre. Il blog se ben fatto è trasparente, i tuoi comportamenti e modi di fare escono fuori sia nel bene che nel male. Quindi sarà chi naviga a farsi un’ opinione e non sarà l’opinionista a mascherarla. Una volta c’era l’importatore, il distributore, il ristoratore, l’enoteca e il cliente finale, ora c’è il produttore e il consumatore finale, in mezzo ci sono solo dettagli, importanti, da controllare e conoscere, da scegliere con cura e attenzione, ma i più importanti siamo noi ed il consumatore finale. Negli ultimi anni questa normale e naturale scala è stata confusa.