Prowein 2012: una fiera di qualità

I fantastici 4 :)

Sono di ritorno da Dusseldorf, dove si è appena concluso il Prowein, a mio avviso, la migliore fiera europea del settore vinicolo. Nata come fiera degli importatori tedeschi, col tempo si è attestata come esibizione di riferimento per gli operatori del nord Europa, est Europa e Canada, i produttori provengono da tutto il mondo ma in particolare da Francia,Germania e Italia. Gli stand sono relativamente piccoli, gli appuntamenti sono concreti e veloci, i visitatori sono generalmente di qualità e l’organizzazione dei trasporti è ammirevole.

Harri da Tallinn, Estonia

Mr. Arca & Mr Tokat da Istanbul,Turchia

Marek e Martin da Praga, rep.Ceca

Quest’anno non ho intravisto molti asiatici, ma c’è da dire che il numero di manifestazioni, molte volte inutili, organizzate nell’estremo oriente è altissima, perciò la dispersione è inevitabile. Ho avuto il piacere di presentare al pubblico del Prowein la nuova annata del Barolo Serralunga 2008, un’annata di classe, di ottima complessità con un tannino piacevole, ma che deve ancora maturare, sono sicuro ci regalerà emozioni uniche. Per rendere le degustazioni più interesanti, ho deciso di far assaggiare qualche barolo più maturo, come il Barolo Leon 2000, vino che inevitabilmente lascia il segno.

Mikeal dal Malmoe, Svezia

In degustazione Barolo Leon 200 per Michel dal Belgio

Come sempre abbiamo partecipato in gruppo, dando la possibilità in pochi metri quadrati di poter assaggiare le meraviglie vinicole di varie regioni italiane: dal Piemonte la finezza del Barbaresco di Rizzi, dalla Lombardia la bonarda frizzante di Quaquarini, dall’Emilia Romagna il sangiovese fruttato di Branchini, dall’Alto Adige l’elegantissimo pinot noir di Castelfeder, dalla Toscana il grande rapporto qualità prezzo del Chianti Tenuta il Palagio, dalla Sicilia il caldo ed avvolgente Nero d’Avola di Gorghi Tondi ed infine i sogni possono trasformarsi in realtà con i grandi rarissimi vini della selezione di Vinifera.

Rita da Santa Vittoria d'Alba

Silvana da Montreal Canada

Se in Italia la situazione è ancora economicamente critica, posso dire che l’estero ci sorride ed è postitivo per noi aziende vinicole italiane. Lo dimostra l’ottimo afflusso nello stand italiano della fiera, sono convinto che questo trend continuerà e dobbiamo essere pronti a cogliere tutte le occasioni che si presenteranno.