Ultima lavorazione del terreno, prima del nuovo impianto

Nel nostro modo di lavorare il vigneto abbiamo abbandonato tutti quei macchinari che compattano il suolo come la fresatrice, cerchiamo di utilizzare strumenti, che come il ripper, lavorano sofficemente il terreno arieggiandolo, senza andare a modificare le varie stratificazioni naturali sottostanti.  L’ossigeno per le radici è fondamentale, specialmente per le piccole piante che hanno bisogno di spazio e di crescere in fretta.

Nel video vedete, l’ultima lavorazione prima dell’impianto manuale di tre vigne, una di nebbiolo e nascetta a Sinio in località Lirano e una sempre di nebbiolo in località San Bernardo nel comune di Serralunga d’Alba.

Seguiranno altri video inerenti all’impianto, perciò seguiteci e che il meteo sia con noi !!!