Un ritorno al passato: Barolo 2006 “Serralunga”

Che bell’annata il 2006 per I nebbioli! Era da un pò di tempo che non si vedeva un nebbiolo cosi’ rustico e attraente. Il nebbiolo ama le vendemmie soleggiate e fresche, il troppo caldo infatti, anticipa la maturazione penlizzando la finezza. La sensazione è che il tannino si debba ancora evolvere; rispetto al 2005 sarà un Barolo più complesso e darà il meglio di sè tra 4-5 anni. Questa è la classica annata da Riserva, infatti sono convinto che con un invecchiamento totale di 5 anni possa aiutare questo Barolo ad esprimersi al meglio. Le vigne dal quale proviene il Barolo Serralunga 2006 Rivetto, sono Manocino, Serra, San Bernardo e Lazzarito, nel comune di Serralunga d’Alba, dove il terreno è caratterizzato principalmente da marne calcaree. Questa conformazione geologica contribuirà senza ombra di dubbio, al potenziale d’invecchiamento di questa annata. Nella vinificazione abbiamo lasciato macerare a freddo per due giorni bucce e mosto per cercare di preservare meglio gli aromi, gestendo successivamente la fermentazione a temperatura controllata 28-30 gradi. L’invecchiamento è di 30 mesi in botti di rovere di Slavonia da 3000 litri di 4 anni di età.

Nella terza settimana di Maggio giornalisti da tutto il mondo arriveranno nell’albese a degustare I Baroli del 2006, durante la manifestazione “Nebbiolo Prima”. Sono un pò preoccupato perché quest’ annata non sia compresa come dovrebbe, non sarà un’ annata che si esprimerà immediatamente. E voi, che ne pensate? Buona degustazione!