Ryder cup & Barolo

Cosa accomunano il golf ed il mondo del vino? Il contatto con la natura, l’importanza dell’osservare e la pazienza, questi sono gli elementi emersi dalla discussione al tavolo con Francesco Molinari, trentacinquesimo golfer nel ranking mondiale.

Ho avuto l’onore di presentare alcuni dei miei vini al Wisley golf club dove il più famoso golfer torinese è membro da 8 anni; serata indimenticabile anche perché seguiva di qualche ora l’incredibile vittoria in rimonta dell’Europa alla Ryder cup. E’ stato proprio Francesco che ci ha fatto gioire nell’ultima buca battendo Tiger Woods.

I 105 membri del golf club a 5 stelle poco fuori Londra, hanno brindato  con Il Langhe Nascetta 2011 ed il Barolo Serralunga 2008, ero davvero orgoglioso di aver potuto spiegare il nostro splendido territorio ad una platea così folta ed importante.

Francesco mi ha subito affascinato, dopo aver trascorso con lui alcune ore ho avuto la sensazione di un campione vero, calmo, educato, disponibile e silenziosamente determinato.

Alla mia sx Gianfranco Zola, trainer dell’ Watford ed alla mia dx Roberto Di Matteo ex allenatore del Chelsea campione d’Europa

Nonostante il golf sia uno sport al quale non sono mai stato molto legato, posso dire che per me Francesco Molinari è un esempio di comportamento per i tutti giovani e gli auguro altre vittorie e soddisfazioni, brindandole sempre ovviamente, con i vini Rivetto, che a quanto pare gli portano davvero fortuna :)

Quando io nascevo nel 1978 Ardiles diventò campione del mondo con la grande Argentina

  • Baietti

    Quanto vorrei una bottiglia di Barolo Serralunga firmata da Molinari….

  • Enrico

    Alla prossima Ryder mi accompagni?